martedì, settembre 18, 2007

Il filmato è una sorta di manifesto del radicalismo nazionalista e islamico

Turchia, video choc contro don Santoro

Su You Tube lodi in musica ai killer del prete e del giornalisra armeno Dink
di MARCO ANSALDO


Turchia, video choc contro don Santoro" width="280">

La schermata di YouTube dove
è stato trasmesso il video

"Smettete di suonare le campane/ e di essere armeni/ la gente e la nazione/ non bevono tutto questo/ sul Mar Nero/ sul Mar Nero". Le strofe si rincorrono, la musica è ritmata. Il testo già colpisce, e c'è anche un video. Ma vederlo è uno shock. Prima l'immagine a terra del giornalista armeno Hrant Dink, ucciso alle spalle, a Istanbul. Poi quella di don Andrea Santoro, il sacerdote eliminato con due colpi alla schiena, nella sua chiesa di Trebisonda, sul Mar Nero.

"Non fate piani" è il titolo di un videoclip e di una canzone, appena usciti in Turchia, che le autorità vogliono subito perseguire, ma che intanto stanno facendo il giro su You Tube. Un misto di ultranazionalismo e di fanatismo religioso, la stessa esplosiva miscela che a Trebisonda causò la morte del missionario italiano.
A cantarla è un artista semi-sconosciuto, Ismail Turut, molto popolare però sul Mar Nero. Il filmato, di cui è autore un fan del cantante, appare come la quintessenza del radicalismo nazionalista predicato in Turchia dai Lupi grigi. Foto di Mehmet Ali Agca, l'attentatore di papa Wojtyla, si alternano a quelle dell'attuale leader del Partito di azione nazionalista, Devlet Bahceli, mentre mostra le dita a corna, nel tipico saluto dei fedelissimi panturchi. C'è anche Abdullah Catli, il mafioso legato ai Lupi grigi, poi morto nel misterioso incidente di Susurluk nel quale perirono Miss Turchia e il vice capo della polizia di Istanbul. E soprattutto c'è la foto di don Andrea, con i suoi paramenti sacri, mentre legge il Vangelo. Quando compare, il testo annuncia: "Smettete di suonare le campane". Arriva quindi l'immagine di una moschea, poi di seguito la bandiera turca, tre mezzelune simbolo dei Lupi grigi, i militari.
segue, fonte clicca qui

MA QUESTI QUA DOVREBBERO FARE PARTE DELL'EUROPA? CON QUALE RECONDITO DIRITTO?

5 commenti:

Oriana ha detto...

Con l'arrivo di Erdogan e col presidente Gül, il suo grande amico, tutti e due osservanti rigidi dell'islam, la Turchia ha deciso da tempo su che strada andare: in direzione Mecca !

Ce ne sono di cose da raccontare su cosa sta succedendo nella Turchia islamica di oggi.... altro che laica, da un pezzo non è più laica.

Non deve entrare nell'UE, per nessuna ragione al mondo !

Se ci penso a come hanno ucciso anche quei cristiani, di cui uno tedesco, che stampavano bibbie, come li hanno torturato a lungo, mi vengono ancora i brividi.

Neanche le bestie arriverebbero a tanto.

prova ha detto...

prova

w il 261 bis ha detto...

i lupi grigi sono il classico gruppo di estrema destra nazionalista. La versione turca di altri movimenti che qualcuno vorrebbe fare (meno sanguinario x fortuna) quì da noi. Non vogliono l'ue, sono di destra, non vogliono stranieri e specialmente quelli di altre religioni. Ooops, mi ricordano qualcuno quà attorno

UMBERTO MARRA ha detto...

@ 261: questione di opinioni...cmq sul qui e sul qua l'accento non ci va...

w il 261 bis ha detto...

umberto non sono opinioni mie, sono le idee dei lupi grigi e di altri qui da noi. A parte il fatto di sangue trovo molte similitudini politiche. E tu?