lunedì, ottobre 23, 2006


L'UDC, Sezione di Lugano, non mi mette in lista. Avete in mente quando sai che succederà, conoscendo chi hai di fronte, ma sei talmente sicuro del tuo lavoro e ti dici "...ma no, non succederà"? Ebbene, é successo: alle prossime cantonali anche il sottoscritto NON verrà presentato. E' successo per nomi più noti e carismatici del sottoscritto (vedi qualche post qui sotto), perché non doveva succedere a me? Ho sempre fatto politica con il cuore, mai per opportunismo, eppure é successo. Infatti stamattina un mio collega postino mi ha detto: "...Marra ta ghet da firmaa...". Dentro di me vi era l'interrogativo: "...ed ora che ho fatto? Non ho tirato a nessuno. L'affitto e le tasse le ho pagate, boh...vediamo...". Firmata la Raccomandata ho guardato subito il mittente: eureka, ci sono, quelli della Sezione che mi amano tanto! Ma la speranza vi era ancora: vuoi vedere che, finalmente, inizia il dialogo? E invece no, l'epistole era composta così: " La Sezione luganese dell'Unione Democratica di Centro ha preso atto del tuo scritto datato 20 giugno 2006, inviato alla direttiva del Partito e da questa trasmessoci per competenza, nel quale segnali la tua disponibilità a ricandidarti alle elezioni 2007. Nel corso della scorsa riunione, il comitato sezionale -organo statutariamente preposto a decidere delle candidature- ha ritenuto, all'unanimità, di non più includere il tuo nominativo, così come già discusso nella riunione di dicembre 2005, nella lista dei candidati alle prossime elezioni. Distinti saluti. Il Presidente e Il Segretario".
Che dire? Nulla, proprio nulla. Devo riflettere, pensarci su. Ma una cosa é certa: di solito, se non vai bene, ne discuti e probabilmente così le cose vanno apposto. Non é qui il caso. Si é deciso, punto. Senza nemmeno parlarne. Come si chiama questo modo di fare? Lascio al lettore la propria opinione. Nei prossimi giorni, quando avrò la mente a freddo, deciderò sul da farsi. Ma intanto mi frulla una domanda: sono stato eliminato perché do fastidio? Può darsi, anzi sicuramente, ma é giusto in Democrazia fare il coniglio e pensare, sempre e comunque, con la testa di altri? Liberissima la Sezione nel non propormi, anche se i fatti -e in questi anni lo ha visto chi legge i giornali- dicono che ho lavorato. Talvolta bene, talvolta meno, ma l'ho sempre fatto con il cuore. Mai e poi mai per opportunismo. Che accadrà ora? Non lo so, ma é certo che ci tengo troppo alla politica, quindi non starò fermo, o zitto, nei prossimi giorni e settimane. Affaire a suivre.....comunque vada é stata una bella esperienza e sono contento di averla fatta. Grazie, grazie Ticino, con
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Leggi commenti da www.tio.ch:
[...Leggi i commenti...

E, inoltre, per senso di equita'
, i commenti dei simpaticissimi, coraggiosissimi "autonomi" de Il Molino:

Umberto Marra segato dalla lista UDC

2 commenti:

Genseriko ha detto...

Ho commentato su tio, cmq te lo ripeto: NON MOLLARE GLADIATORE!

sciukeze ha detto...

La marra è una zappa che si usa per lavorare superficialmente il terreno. E' il caso di dire che l'UDC si è data la classica Marra sul piede. Saluti e auguri